Una giornata di Ivan Denisovič - La casa di Matrjona - Alla stazione

Una giornata di Ivan Denisovič - La casa di Matrjona - Alla stazione Review

Una giornata di Ivan Denisovič è il libro che ha rivelato al mondo lo scrittore Solzenicyn. In un'opera di classica sobrietà, che per nitore espressivo rimanda alle dostoevskiane Memorie di una casa morta, viene descritta per la prima volta una giornata qualsiasi in un campo di lavoro staliniano dove è rinchiuso un uomo semplice, Ivan. La stessa autonomia poetica si ritrova nei due racconti successivi. Protagonista della Casa di Matrjona è una povera contadina, presso la quale va a vivere un ex deportato, che mitemente subisce ripetute ingiustizie. Alla stazione di Krecetovka illustra invece la parabola morale di un «uomo sovietico» nel quale il germe della sospettosità staliniana s'è tanto radicato da portarlo a commettere una mostruosa ingiustizia.

Title:Una giornata di Ivan Denisovič - La casa di Matrjona - Alla stazione
Edition Language:Italian

Enjoy the book review !

    Una giornata di Ivan Denisovič - La casa di Matrjona - Alla stazione Reviews

  • GrauWolf

    Partendo dal presupposto che secondo me delle storie così tragiche, che purtroppo rappresentano in modo significativo una situazione realmente avvenuta, sono veramente difficili da giudicare. Inoltre...

  • Lisachan

    Solženicyn ha fatto qualcosa di straordinario con Una giornata di Ivan Denisovič, ma anche gli altri due racconti che compongono la raccolta - La casa di Matrjona e Alla stazione di Krečetovka - so...

  • Alberto

    Realismo russo, prezioasa testimonianza della Russia comunista and delle deplorevoli condizione in cui molto 'semplici' si ritrovarono a vivere. Come la maggior parte dei romanzi realisti, ci trovo un...

  • Francesco

    Non ha l’impatto emotivo dei Racconti della Kolyma di Salamov e neppure l’ambizione enciclopedica dell’Arcipelago dello stesso Solženicyn, ma è comunque il romanzo che iniziò la tradizione le...

  • Zorana Mitrovi?

    Matrjonina kuća ❤...

  • Elena BigBookworm

    Ventiquattr'ore in un gulagLa pena affibbiatagli, dal principio sino alla fine, contava tremilaseicentocinquantatré giornate come quella.Per via degli anni bisestili si allungava di tre giorni ancora...

  • Classica Castagna

    Per principio non do voti né recensisco opere autobiografiche. Di fronte a questo libro, che non è un'autobiografia, non so come comportarmi: sebbene si tratti di tre racconti si percepisce la vena ...

  • Maurizio Patrignanelli

    È una conferma: adoro Solzenicyn! Aveva una capacità incredibile di trasmettere -con minuziose descrizioni- l'atmosfera che avvolgeva la Russia di quei tempi e tutte le sue enormi contraddizioni: l'...

  • Andrea Quaglia

    I grandi scrittori si vedono anche da come riescono a tenere il lettore, ed in questo i russi sono insuperabili. Solzhenitsyn racconta tre piccole storie, in tutto tre o quattro giorni di vita dei pro...

  • Vanlilith

    -...